InformaAzione

Perché scegliere la formazione blended

Perché scegliere la formazione blended

Nel mondo di oggi, le aziende sono sempre alla ricerca di modi innovativi per migliorare le competenze dei propri dipendenti. Uno strumento che si è dimostrato particolarmente efficace è la formazione blended, una combinazione di istruzione tradizionale e tecnologie digitali. Questa metodologia offre una serie di vantaggi significativi per le aziende e i loro dipendenti, che vanno oltre i limiti delle modalità di apprendimento tradizionali.
In questo articolo esploriamo i motivi per cui sempre più aziende stanno adottando la formazione blended come parte integrante della loro strategia di sviluppo aziendale.
Negli ultimi vent’anni, l’e-learning aziendale ha sperimentato un costante e crescente successo, diventando un pilastro fondamentale nella formazione professionale. Tuttavia, con l’avvento della pandemia COVID-19, la sua popolarità ha conosciuto un’impennata senza precedenti, trasformandosi da una semplice risorsa in un’indispensabile necessità per molte organizzazioni.
L’e-learning, che rappresenta un metodo efficiente e pratico per lo sviluppo delle competenze di base, sta rapidamente emergendo come la strategia preferita per la formazione dei dipendenti a livello globale. Offre flessibilità, accessibilità e la possibilità di apprendere a propria velocità, il che lo rende particolarmente adatto per un’ampia gamma di settori e contesti lavorativi
Tuttavia, nonostante i suoi evidenti vantaggi, l’e-learning non può essere considerato come la soluzione universale per la formazione aziendale. Presenta diverse sfide e limitazioni che possono ridurne l’efficacia.
Questi possono essere:
1. La mancanza di interazione faccia a faccia che può compromettere l’esperienza di apprendimento e la motivazione degli studenti.
2. La mancanza di supervisione diretta che può portare a una maggiore dispersione dell’attenzione e alla riduzione dell’impegno nell’apprendimento.
3. La necessità di competenze tecniche per utilizzare efficacemente le piattaforme e-learning potrebbe essere un ostacolo per alcuni dipendenti, specialmente quelli meno familiarizzati con la tecnologia
4. L’assenza di un’adeguata personalizzazione dei contenuti potrebbe limitare la rilevanza e l’applicabilità della formazione per determinati individui o settori.
“La tecnologia non è il fine, ma il mezzo. La formazione blended offre un’opportunità unica per unire la potenza della tecnologia con l’interazione umana, creando così un ambiente di apprendimento più coinvolgente e efficace” Bill Gates
Ci sono varie ragioni per cui l’e-Learning è diventato così popolare, soprattutto oggi.
1. Il primo motivo è la sua flessibilità: consente ai dipendenti di apprendere nuove competenze e migliorare le proprie conoscenze al proprio ritmo. Piuttosto che costringere i dipendenti con diversi livelli di competenza a procedere alla stessa velocità, l’e-Learning è un approccio intrinsecamente personalizzato che consente ai dipendenti di crescere alla velocità che preferiscono.
2. L’e-Learning aziendale può essere svolto in remoto. Questo aspetto è particolarmente importante oggi, con l’opzione di lavorare da casa che molte aziende adottano. Inoltre, per le aziende che hanno numerosi dipendenti, l’e-learning permette di evitare il problema della logistica della formazione stessa e di raccogliere persone di diverse sedi in un unico posto.
3. L’e-Learning aziendale può contribuire a migliorare la produttività dei dipendenti, fornendo loro gli strumenti necessari per svolgere meglio il proprio lavoro.
4. Infine l’e-learning contribuisce anche a ridurre i costi associati ai metodi di formazione tradizionali.

Scopri i nostri corsi e-learning!
Pratici e utili da guardare quando e dove preferisci

Ecco alcuni dei problemi attuali di cui soffrono i programmi di e-learning aziendali:

1. Mancanza di collaborazione

con la possibilità per i dipendenti di lavorare al proprio ritmo, l’apprendimento aziendale è diventato un fenomeno isolato: i discenti sono distanti tra loro e non hanno l’opportunità di imparare gli uni dagli altri.

2. Pertinenza

le piattaforme di e-Learning possono offrire molti corsi di formazione diversi, ma questo può sovraccaricare e confondere i dipendenti che navigano tra i diversi corsi. Inoltre, i corsi di formazione proposti  possono essere poco rilevanti per la loro quotidianità e spesso non sono considerati prioritari.

3. Ritenzione degli utenti

I corsi di e-Learning rendono difficile sostenere l’apprendimento. Senza un’adeguata connessione alla quotidianità, ai corsi troppo spesso non viene dedicato il tempo necessario per avere un impatto.

3. Scarso coninvolgimento

trattandosi di un apprendimento individualizzato, con un mezzo, quello video, che può, alla lunga risultare noioso molti dipendenti non sono coinvolti nell’apprendimento dei contenuti e nella loro applicazione.
Secondo una definizione classica:
L’apprendimento misto è una ricca combinazione di interventi di apprendimento che si svolgono online e/o offline.” Potremmo anche aggiungere che la combinazione di soluzioni riguarda anche la possibilità di utilizzare modalità sincrone (“in diretta”) oppure asincrone. La seguente tabella rappresenta uno schema semplificato delle possibilità di combinazione dei diversi elementi
La possibilità di combinare diversi elementi, soprattutto la possibilità di fare incontrare le persone, in presenza o a distanza, rappresenta un vantaggio decisivo dell’apprendimento ibrido rispetto al semplice e-learning: come esseri umani infatti abbiamo sviluppato un cervello che possiede  una particolare sensibilità alla relazione e allo scambio comunicativo/emotivocon le altre persone. Dal momento che siamo esseri profondamente sociali, la possibilità di interagire con altre persone è incredibilmente più ricca e significativa rispetto alla mera fruizione in solitaria di un video.
È il valore della relazione, quello che potremmo chiamare “contatto umano”.

Sai riconoscere e gestire le tue emozioni?

Creare sicurezza psicologica sul posto di lavoro è un investimento nel benessere dei dipendenti e nella crescita sostenibile dell’azienda. Affrontare lo stress e il burnout richiede un approccio olistico che integri strumenti pratici con una cultura aziendale incentrata sul rispetto, sulla fiducia e sulla valorizzazione delle risorse umane. Promuovere la sicurezza psicologica non è solo una risposta alle sfide attuali, ma è anche un passo avanti verso la creazione di un ambiente lavorativo in cui l’apprendimento, l’innovazione e la crescita sono alimentati dalla forza vitale di dipendenti che si sentono visti, ascoltati e sostenuti.

Leggi gli ultimi articoli del nostro blog

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto